Goloso e Curioso
OGGI PARLIAMO DI COSTI

OGGI PARLIAMO DI COSTI

Oggi parliamo dei costi relativi alla gestione della durezza dell'acqua nei condomini.

Vi siete mai chiesti quali sono i giri d'affari che ruotano intorno a questo business?

Ovviamente parlo dell'addolcitore che dopo essere stato acquistato richiede un vero patrimonio per la gestione e la manutenzione.


Per un condominio di 20 appartamenti, il costo medio annuale di gestione sale-acqua si aggira intorno ai 1800,00 Euro, IVA ESCLUSA, naturalmente non tenendo conto di eventuali compensi dovuti alle aziende manutentrici.


Se poi parliamo di un condominio più grande i costi lievitano ulteriormente.


90 Euro procapite all'anno + IVA cioè 110 Euro circa provate a moltiplicarli per 50 o per 100 appartamenti e capiamo quanto capitalizza in uscita questa piccola macchina che si chiama addolcitore

Inoltre se non gestita correttamente può anche generare dei problemi per la salute.


Come possiamo contenere le spese e ottenere gli stessi risultati? Semplice, ma prima bisogna capire cosa vogliamo davvero.


Il calcare è qualcosa che fa parte dell'acqua e che pur non facendo male assolutamente al corpo umano, invece danneggia a volte in modo irreversibile i nostri elettrodomestici e le nostre tubature.


L'addolcitore sembra risolvere i problemi legati al calcare, rende l'acqua viscida,e ad alcuni piace, ma anche aggressiva. Infatti se l'addolcitore viene regolato a una durezza eccessivamente bassa rispetto a quella di partenza, e comunque non in linea con le leggi sulla potabilità, risulta con un delta troppo alto e di conseguenza una eccessiva concentrazone di sodio.

Poi la schiuma sembra non dover mai andare via, ma se bolli l'acqua non restano aloni.

Questo può piacere alle massaie, ma non è un bene per noi.

Abbiamo bisogno di calcio, persino le lavatrici generano panni meno puliti perchè le l'acqua è troppo addolcita i saponi non funzionano.

Infine anche il sale che rimane nell'acqua che poi andiamo a consumare nei nostri gesti quotidiani non ci fa bene.


Possiamo risparmiare veramente molto adottando una macchina diversa per contrastare il calcare e cioè una macchina che funziona su un principio fisico e non chimico, una macchina elettronica www.kakotronic.com che oltre a fare bene il suo dovere, genera un risparmio davvero notevole, e nell'arco di 5 anni un condominio di 20 appartamenti può risparmiare a conti fatti fino a 7000,00 Euro.


Tutti gli articoli >

kalko Tronic
Oggi parliamo di costi

kalko Tronic

kalko Tronic

Kalkotronic è un marchio proprietà della Tele-Line di cui è anche la diretta produttrice.

La tele-line con sede in Santa Croce Sull’arno, vanta una esperienza ventennale sul mercato in cui ha sviluppato nuove iniziative, produzioni custom e flessibilità.

I sopralluoghi,  le analisi di progetti, le risposte e consegne “just-in-time” sono stati armi vincenti per  la Tele-Line che in questo modo è riuscita e continua a dare le giuste “risposte” alle richieste degli utenti sia in termini tecnico/funzionali che economiche.

Kalkotronic è diventata per la Tele-line l’obiettivo verso il quale indirizzare le proprie energie, vista la forte richiesta degli ultimi anni in cui sembra che l’addolcitore sia destinato a gestire più gli impianti primari che quelli secondari, ovvero le acque non sanitarie destinate all’utilizzo umano.

Il perché è comprensibile visto il forte utilizzo di sale che viene richiesto per l’utilizzo e lo spreco d’acqua.

Kalkotronic, anticalcare  elettronico infatti non richiede sale per trattare l’acqua correttamente e renderla inoffensiva dal calcare, si basa su un principio  fisico, non viene a contatto con l’acqua e salvaguarda la potabilità come richiesto dalle leggi italiane. Dlgs 31/2001, Dlgs 27/2002 (nuova legge potabilità acqua) e Dm 25/2012 (nuove disposizioni tecniche sul trattamento dell'acqua destinata al consumo umano)

L’acqua proveniente dall’acquedotto pubblico è ricca di sali minerali ma non tutti sono graditi alle condutture idrauliche della nostra casa e dai nostri elettrodomestici che la utilizzano, in particolare il calcare.

Il calcare è responsabile di un maggiore consumo energetico se le serpentine sono incrostate ci mettono più tempo a riscaldare, inoltre il calcare è causa di malfunzionamento frequente della caldaia o degli scambiatori, senza parlare dell’acqua calda che non arriva mai.

Ecco perché riteniamo che kalkotronic sia il domani, ovvero addolcitore 2.0

Per approfondimenti vi invitiamo a visitare il nostro sito: www.kalkotronic.com

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »