Goloso e Curioso
Facciamo attenzione all'igiene dell'acqua di casa nostra

Facciamo attenzione all'igiene dell'acqua di casa nostra

Premesso che i gestori dei servizi idrici e le ASL di competenza, hanno l’obbligo per legge (DL31 del 2001) di controllare l’acqua distribuita nella rete, assicurano ai consumatori che l’acqua viene fornita idonea al consumo umano sotto tutti i punti di vista sia microbiologico che chimico-fisico poiché i controlli vengono effettuati quotidianamente.

L’attenzione maggiore va posta in casa nostra.  Infatti i gestori della fornitura acque sono responsabili della qualità dell’acqua fino al contatore.

La rete interna di ciascuna abitazione è di pertinenza del proprietario dell’immobile o di chi lo gestisce (nel caso dei condomini è responsabilità dell’amministratore).

I problemi possono sorgere se nella nostra rete domestica vi sono “serbatoi di batteri”. Uno di questi potrebbe essere l’autoclave che viene comunemente usata, soprattutto a livello di condomini, quindi di dimensioni consistenti, per ottenere una buona pressione idrica nell’impianto. Le autoclavi sono generalmente dotate di un serbatoio di accumulo che, se non viene opportunamente pulito con una manutenzione periodica, rischia di essere un possibile bacino di batteri (legionella). E’ quindi necessario eseguire una buona pulizia sia dei filtri defangatori, sia del serbatoio di primo accumulo. E’ consigliabile eseguire un vero e proprio intervento di disinfezione con specifici prodotti antibatterici in modo che si possano eliminare tutte le fonti di infezioni batteriche.

La pulizia frequente del  frangigetto è un altro punto chiave per mantenere pulita la vostra rete. La reticella del frangigetto, soprattutto quando ostruita da depositi di calcare è la sede preferita dei batteri. Si tratta infatti di un ambiente sempre umido e al tempo stesso a contatto con l’aria con temperatura idonea dove si possono sviluppare diversi tipi di batteri che a nel tempo originano veri e propri biofilm. Si consiglia quindi di pulire con frequenza addirittua giornaliera il frangigetto,  così che non vi siano ostruzioni e che l’acqua possa scorrere liberamente.
Un discorso analogo si può fare per i soffioni delle docce e per qualsiasi elemento della vostra rete che possa mettere acqua rafferma a contatto con l’aria.


Se seguirete queste poche regole, l’acqua di qualità fornita dall’acquedotto, passerà indenne il suo cammino anche nella vostra rete domestica, senza alcuna alterazione chimica o microbiologica. 

www.kalkotronic.com

Tutti gli articoli >

kalko Tronic
Facciamo attenzione all'igiene dell'acqua di casa nostra

kalko Tronic

kalko Tronic

Kalkotronic è un marchio proprietà della Tele-Line di cui è anche la diretta produttrice.

La tele-line con sede in Santa Croce Sull’arno, vanta una esperienza ventennale sul mercato in cui ha sviluppato nuove iniziative, produzioni custom e flessibilità.

I sopralluoghi,  le analisi di progetti, le risposte e consegne “just-in-time” sono stati armi vincenti per  la Tele-Line che in questo modo è riuscita e continua a dare le giuste “risposte” alle richieste degli utenti sia in termini tecnico/funzionali che economiche.

Kalkotronic è diventata per la Tele-line l’obiettivo verso il quale indirizzare le proprie energie, vista la forte richiesta degli ultimi anni in cui sembra che l’addolcitore sia destinato a gestire più gli impianti primari che quelli secondari, ovvero le acque non sanitarie destinate all’utilizzo umano.

Il perché è comprensibile visto il forte utilizzo di sale che viene richiesto per l’utilizzo e lo spreco d’acqua.

Kalkotronic, anticalcare  elettronico infatti non richiede sale per trattare l’acqua correttamente e renderla inoffensiva dal calcare, si basa su un principio  fisico, non viene a contatto con l’acqua e salvaguarda la potabilità come richiesto dalle leggi italiane. Dlgs 31/2001, Dlgs 27/2002 (nuova legge potabilità acqua) e Dm 25/2012 (nuove disposizioni tecniche sul trattamento dell'acqua destinata al consumo umano)

L’acqua proveniente dall’acquedotto pubblico è ricca di sali minerali ma non tutti sono graditi alle condutture idrauliche della nostra casa e dai nostri elettrodomestici che la utilizzano, in particolare il calcare.

Il calcare è responsabile di un maggiore consumo energetico se le serpentine sono incrostate ci mettono più tempo a riscaldare, inoltre il calcare è causa di malfunzionamento frequente della caldaia o degli scambiatori, senza parlare dell’acqua calda che non arriva mai.

Ecco perché riteniamo che kalkotronic sia il domani, ovvero addolcitore 2.0

Per approfondimenti vi invitiamo a visitare il nostro sito: www.kalkotronic.com

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »