Goloso e Curioso
INDAGINI DI CONTROLLO NON DISTRUTTIVO PRIMA DI REALIZZARE GLI INTERVENTI A CAPPOTTO, PER VALUTARE LO STATO DI DEGRADO DELLE FACCIATE E LE RELATIVE TECNICHE D’INTERVENTO DI RISANAMENTO

INDAGINI DI CONTROLLO NON DISTRUTTIVO PRIMA DI REALIZZARE GLI INTERVENTI A CAPPOTTO, PER VALUTARE LO STATO DI DEGRADO DELLE FACCIATE E LE RELATIVE TECNICHE D’INTERVENTO DI RISANAMENTO

Individuazione di possibili patologie di degrado,  sulle facciate degli edifici, tramite l’impiego di controlli non distruttivi, ai fini di  valutare tecniche d’intervento di ripristino  appropriate,  prima di effettuare l’intervento di facciata ventilata.



E’ bene, prima di effettuare qualsiasi intervento di contenimento delle dispersioni energetiche delle facciate degli edifici, quali  quelli legati ad interventi per realizzare  pareti ventilate, cappotti ecc…. , far effettuare al Condominio,  una diagnosi di rilievo non distruttivo,   così articolata   :
 

1. Indagine non distruttive con ultrasuoni, sclerometro e pull-out , al fine di valutare la Resistenza meccanica in situ delle strutture in c.a. ( pilastri e travi ) e individuazioni stati fessurativi in fase incipiente ;
2. Controlli dello stato di corrosione dell’armatura metallica   a seguito  di fenomeni di avanzata carbonatazione, attraverso il metodo della fenolnaftalina;
3. Indagine termografica per localizzare le dispersioni termiche delle facciate e possibili ponti termici .
 
Finalità di tale indagine di controllo , da far effettuare su tutte le facciate del Condomino,  è quella di caratterizzare : 
-le varie patologie di degrado da riportare su apposita mappa  ;
- la loro entità a livello:  sia qualitativo ai fini dei decrementi di  RcK ( Resistenze meccaniche a compressione del calcestruzzo )  e di corrosione dell’armatura,  sia  quantitativo  ai fini di valutare l’entità dello stato di diffusione dell’ammaloramento.    
- i  relativi costi d’intervento,
Le sopraccitate fasi sono propedeutiche ai fini di  redigere in modo adeguato ed analitico un apposito Capitolato Tecnico prestazionale estimativo, che definisca: l’entità di tale intervento di risanamento strutturale delle facciate in c.a.  e i relativi costi  .
 

Gli  scriventi a conclusione di quanto sopra esposto, raccomandano  al Condominio, prima di prendere qualsiasi decisione in merito alla realizzazione di pareti ventilate, o a cappotto, di far effettuare,    una accurata indagine conoscitiva, diagnosi, sullo stato di conservazione delle strutture in c.a  delle facciate , in base alla quale stabilire  gli interventi che si rendono necessari per ripristinare le strutture degradate in c.a.  .
 

Nel servizio fotografico, si allegano una serie di  patologie di degrado rilevate sulle facciate del Condominio, in particolare, quelle  riguardanti la presenza di evidenti fenomeni di carbonatazione del calcestruzzo , con marcati stati fessurativi sulle stilate dei  pilastri di facciata che,  non lascino alcuna ombra di dubbio, in merito  a fenomeni di carbonatazione e alla  presenza di fenomeni di corrosione delle armature,  con  distacco del copriferro nei casi più marcati . 
 

Si sottolinea che, tali patologie di degrado associate a  stati  micro e/o macro fessurativi,  non vanno sottovalutate, e devono essere al più presto ripristinati soprattutto in  quei casi nei quali  il Condominio,  intende realizzare   interventi a cappotto o pareti di facciata ventilata dal momento che tali interventi non permettono più di operare sulle facciate  , se non rimuovendo la parete ventilata stessa .
 

Si consiglia inoltre  effettuare comunque , in ogni caso un rilievo  termografico, al fine, non solo di individuare possibili ponti termici presenti sulle facciate, ma anche per avere una mappatura completa delle dispersioni termiche presenti sulla facciata,  ante e post  intervento e sull’intradosso dei sottoportici.


CTE CONSULTING  
Ing. Fiorenzo Meneghetti                                 
Ing. Tiziano Meneghetti 


Tutti gli articoli >

Editore
Indagini di controllo non distruttivo prima di realizzare gli interventi a cappotto, per valutare lo stato di degrado delle facciate e le relative tecniche d’intervento di risanamento

Editore

Editore

Il Giornale del Condominio è uno spazio libero che propone contenuti utili agli amministratori condominiali e ai condomini. 

La filosofia del Giornale è quella di divulgare la conoscenza di esso al maggior numero di persone possibili.
 
Chiunque sia specializzato in tematiche condominiali e chiunque si voglia impegnare assieme a noi nel dare valide informazioni a tutti gli interessati, può scrivere sul Giornale. Le informazioni possono essere anche di natura commerciale.

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Editore

Editore del "Giornale del Condominio" è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto »